Intelligenza artificiale

AI Revolution: Jay Elliot e l’importanza della UX

Secondo Jay Elliot, ex vicepresidente esecutivo e responsabile delle risorse umane della Apple sotto la presidenza di Steve Jobs, oltre che guest star del nostro Evolutionary 2015, il vero valore dell’intelligenza artificiale sarà dato dall’esperienza dell’utente nell’utilizzo delle nuove tecnologie.

 

Sull’intelligenza artificiale i ‘giganti’ – Apple inclusa – stanno investendo milioni di dollari, sono infatti molti quelli ritengono che in questo momento rappresenti la principale opportunità di sviluppo per l’industria tecnologica, concorda?

Sì certo, l’intelligenza artificiale sarà la prossima frontiera tecnologica. Tuttavia, saranno fondamentali per il suo utilizzo il modo in cui verrà introdotta sul mercato e l’interfaccia utente. Prendiamo per esempio le diagnosi mediche formulate da Watson di IBM, ossia un computer con sofisticati strumenti di analisi avanzata e non più l’interpretazione dei sintomi alla luce dell’esperienza di uno specialista in carne e ossa, il punto è: come si interfaccerà con l’utente?

Nella prossima generazione di smartphone, sarà la qualità degli assistenti vocali a fare la differenza?

Sì, e lo stiamo già sperimentando con Siri e Iris. Il passo successivo nello sviluppo dell’assistenza audio/video sarà quello relativo all’esperienza dell’utente, ma non vi è alcuna ragione per cui questo tipo di interazione non possa replicare quella umana in tempo reale.

Con il moltiplicarsi delle applicazioni di AI nella vita di tutti i giorni cresceranno anche le preoccupazioni per la privacy delle persone?

Sì, assolutamente! Questo sarà un punto fondamentale da risolvere. Al momento è infatti molto probabile che qualcuno possa intercettare la nostra diagnosi medica così come i movimenti della nostra automobile.

Crede che i produttori di sistemi basati sull’intelligenza artificiale dovrebbero attenersi a linee guida etiche comuni?

Negli Stati Uniti pochi giorni fa è stato il 75° anniversario di Pearl Harbor, ma più importante ancora il 71° anniversario del lancio della bomba atomica, il cui sviluppo ed uso è stato a mio avviso una grande violazione etica dell’uso della tecnologia da parte del genere umano, condannato anche da Albert Einstein. Oggi importanti avvertimenti arrivano da parte di persone come Elon Musk e Steven Hawkins, giusto per citarne alcune. Le linee guida etiche per l’AI sono importanti come lo erano per l’energia atomica, campo dove abbiamo fallito. Credo che questa sia la sfida più grande di tutte.

Previous ArticleNext Article

Send this to friend